Settore:              

LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI

 

 
BANDO DI GARA (N. 02/ 2003)

 

Determinazione n. 74 del  3.02.2003 (Registro Generale).

 

 

1.      STAZIONE APPALTANTE: COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO – via Alfani - tel.089/386311 fax 089 849935

 

2.      PROCEDURA DI GARA: pubblico incanto ai sensi dell'art. 21 della legge 109/1994 e successive modificazioni;

 

3.      LUOGO, DESCRIZIONE, IMPORTO COMPLESSIVO DEI LAVORI, ONERI PER LA SICUREZZA E MODALITA’ DI PAGAMENTO DELLE PRESTAZIONI:

 

3.1.   luogo di esecuzione: COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO

3.2.   descrizione: LAVORI DI ARREDAMENTO DEL GABINETTO DEL SINDACO E UFFICI DI RAPPRESENTANZA LAVORI EDILI

3.3 natura: lavori edili; ai soli fini del rilascio del certificato di esecuzione dei lavori eseguiti; i lavori si intendono appartenenti alla categoria OG 1 classifica I fino a Euro 258.228,00;

3.4  importo complessivo dell’appalto (compresi oneri per la sicurezza):

€ 17.533,51 (euro diciasettemilacinquecentotrentatre/51);

3.5. oneri per l’attuazione dei piani della sicurezza non soggetti a ribasso:

 € 491,08 (euro quattrocentonovantuno/08)

3.6. modalità di determinazione del corrispettivo: a corpo ai sensi di quanto previsto dall’articolo 19 comma 4, e art. 21, comma 1, lettera b), della legge 109/94 e successive modificazioni;

 

4.      TERMINE DI ESECUZIONE: giorni 50 (cinquanta) naturali e consecutivi decorrenti dalla data di consegna dei lavori;

 

5.      DOCUMENTAZIONE:

il disciplinare di gara contenente le norme integrative del presente bando relative alle modalità di partecipazione alla gara, alle modalità di compilazione e presentazione dell’offerta, ai documenti da presentare a corredo della stessa ed alle procedure di aggiudicazione dell’appalto, nonché gli elaborati grafici, il computo metrico, il capitolato speciale di appalto, lo schema di contratto e la lista delle categorie di lavorazioni e forniture previste per l’esecuzione dei lavori e per formulare l’offerta, sono consultabili presso il Settore LL.PP. – piazza Garibaldi, nei giorni feriali sabato escluso e nelle ore 9-12; è possibile acquistarne una copia, fino a dieci giorni antecedenti il termine di presentazione delle offerte, previo richiesta presso il Settore LL.PP. e Manutenzioni, presso la ditta Elioteknica sita in Pontecagnano Faiano alla via Carducci, nei giorni feriali, sabato escluso, previo versamento delle spese presso la stessa ditta; a tal fine gli interessati ne dovranno fare prenotazione a mezzo fax inviato, 48 ore prima della data di ritiro, al numero di cui al punto 1. e alla ditta Elioteknica fax n° 089/849595;

Il disciplinare di gara è, altresì disponibile sul sito Internet di questo comune: www.comune.pontecagnanofaiano.sa.it. Inoltre l'allegato "A" e allegato "B" in originale, su cui, a pena di esclusione, occorre presentare l'offerta e l'istanza corredata di dichiarazione unica devono essere ritirati presso la sede del Settore LL.PP. alla piazza Garibaldi di Faiano (089/200440);

 

6.      TERMINE, INDIRIZZO DI RICEZIONE, MODALITA’ DI PRESENTAZIONE E DATA DI APERTURA DELLE OFFERTE:

6.1.   termine: entro le ore 12 del giorno feriale antecedente a quello fissato per la 1a seduta di gara;

6.2.   indirizzo: Comune di Pontecagnano Faiano Via Alfani – 84098 PONTECAGNANO FAIANO;

6.3.   modalità: secondo quanto previsto nel disciplinare di gara di cui al punto 5. del presente bando;

6.4.   apertura offerte: prima seduta pubblica il giorno 28 MARZO 2003 alle ore 9,00 presso la sede di via Alfani; seconda seduta pubblica il giorno 11 aprile 2003 alle ore 9,00 presso la medesima sede;

 

7.      SOGGETTI AMMESSI ALL’APERTURA DELLE OFFERTE: i legali rappresentanti dei concorrenti di cui al successivo punto 10., ovvero soggetti, uno per ogni concorrente, muniti di specifica delega loro conferita dai suddetti legali rappresentanti;

 

8.      CAUZIONE: l’offerta dei concorrenti deve essere corredata:

a)      da una cauzione provvisoria, pari al 2% (due per cento) dell’importo decomplessivo dell’appalto da prestare alternativamente mediante:

·        versamento in contanti presso la tesoreria comunale ed esibizione di relativa reversale;

·        fideiussione bancaria o assicurativa, avente scadenza minima 29 settembre 2003, che preveda la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro quindici giorni a semplice richiesta scritta della stazione appaltante.

b)      impegno del fideiussore, come sopra individuato, che dovrà rilasciare, a pena di esclusione, la seguente dichiarazione: "di impegnarsi a rilasciare, in caso di aggiudicazione dell’appalto, a richiesta del concorrente, una fideiussione relativa alla cauzione definitiva, in favore della stazione appaltante, con validità temporale prevista dal Regolamento e nei modi previsti dai commi 2 e 2 bis dell'art. 30 della legge 109/'94 e s.m.i.";

La fideiussione e la dichiarazione dovranno contenere, a pena di esclusione, autentica notarile, attestante che colui che sottoscrive è debitamente autorizzato al rilascio di tale tipo di fideiussione e impegno.

Non sono ammesse, a pena di esclusione, altre forme di fideiussioni.

Non sono ammesse, a pena di esclusione, fideiussioni rilasciate da soggetti diversi da quelli sopra indicati.

 

9.      FINANZIAMENTO: Opera finanziata con fondi comunali ai Capitoli:

-         2907/R.1995 per € 4.165,69;

-         2907/R.1997 per € 9.003,99;

-         2907/R.1998 per € 4.491,46;

-         2907/R.2000 per € 3.030,02;

-         2914/R.2001 per € 114.116,31;

-         2905/R.2001 per € 10.056,99;

-         2907 del Bilancio 2002 per € 21.302,76.

 

10.  SOGGETTI AMMESSI ALLA GARA: concorrenti di cui all’art. 10, comma 1, della legge 109/94 e successive modificazioni, costituiti da imprese singole o imprese riunite o consorziate, ai sensi degli articoli 93, 94, 95, 96 e 97 del D.P.R. n. 554/1999, ovvero da imprese che intendano riunirsi o consorziarsi ai sensi dell’articolo 13, comma 5. della legge 109/94 e successive modificazioni, nonché concorrenti con sede in altri stati membri dell’Unione Europea alle condizioni di cui all’articolo 3, comma 7, del D.P.R. n. 34/2000.

 

11.  CONDIZIONI MINIME DI CARATTERE ECONOMICO E TECNICO NECESSARIE PER LA PARTECIPAZIONE: i concorrenti devono possedere

(nel caso di concorrente in possesso dell’attestato SOA)

attestazione relativa ad almeno una categoria attinente alla natura dei lavori da appaltare, rilasciata da società di attestazione (SOA) di cui al D.P.R. 34/2000 regolarmente autorizzata, in corso di validità;

(nel caso di concorrente non in possesso dell’attestato SOA)

i requisiti di cui all’articolo 28 del D.P.R. 34 /2000 in misura non inferiore a quanto previsto dal medesimo articolo 28; il requisito di cui all’art.28, comma 1 lettera a) deve riferirsi a lavori della natura indicata al punto 3.3 del presente bando, ossia lavori edili per l’importo a base d’asta.

 

12.  TERMINE DI VALIDITA’ DELL’OFFERTA: l’offerta è valida per 180 giorni dalla data dell’esperimento della gara;

 

13.  CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE: massimo ribasso percentuale sull’importo dei lavori, al netto degli oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza di cui al punto 3.5. del presente bando (ossia sull’importo di Euro 17.042,43); il prezzo offerto deve essere determinato, ai sensi dell’art. 21, commi 1 e 1-bis, della citata legge n.109/94 e successive modificazioni, mediante ribasso sull’importo dei lavori posti a base di gara; l’offerta dovrà essere compilata secondo le norme e con le modalità previste nel disciplinare di gara; il prezzo offerto deve essere, comunque, inferiore a quello posto a base di gara al netto degli oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza di cui al punto 3.5. del presente bando;

 

14.  VARIANTI: non sono ammesse offerte in variante;

 

15.  ALTRE INFORMAZIONI:

a)      non sono ammessi a partecipare alle gare soggetti privi dei requisiti generali di cui all’articolo 75 del D.P.R.n.554/99 e di cui alla legge n.68/99;

b)      si procederà all’esclusione automatica delle offerte anormalmente basse secondo le modalità previste dall’articolo 21, comma 1-bis, della legge 109/94 e successive modificazioni; nel caso di offerte in numero inferiore a cinque non si procede ad esclusione automatica ma la stazione appaltante ha comunque la facoltà di sottoporre a verifica le offerte ritenute anormalmente basse;

c)      si procederà all’aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida sempre che sia ritenuta congrua e conveniente;

d)      in caso di offerte uguali si procederà per sorteggio;

e)      l’aggiudicatario deve prestare cauzione definitiva nella misura e nei modi previsti dall’articolo 30, comma 2 e 2 bis, della legge 109/94 e successive modificazioni nonché la polizza di cui all’articolo 30, comma 3, della medesima legge e all’articolo 103 del D.P.R. 554/1999 per una somma assicurata non inferiore all’importo di contratto  che deve inoltre assicurare la stazione appaltante contro le responsabilità civili verso terzi con un massimale minimo pari a € 500.000 (euro cinquecentomila);

f)        si applicano le disposizioni previste dall’articolo 8, comma 11-quater, della legge 109/94 e successive modificazioni;

g)      le autocertificazioni, le certificazioni, i documenti e l’offerta devono essere  in lingua italiana o corredati di traduzione giurata;

h)      nel caso di concorrenti costituiti ai sensi dell’art. 10, comma 1, lettere d), e) ed e-bis), della legge 109/94 e successive modificazioni i requisiti di cui al punto 11. del presente bando devono essere posseduti, nella misura di cui all’articolo 95, comma 2, del D.P.R.554/1999 qualora associazioni di tipo orizzontale;

i)        gli importi dichiarati da imprese stabilite in altro stato membro dell’Unione Europea  dovranno essere espressi in euro;

j)        la contabilità dei lavori sarà effettuata, ai sensi  del titolo XI del D.P.R. 554/1999, essendo i lavori a corpo, sulla base delle aliquote percentuali di cui all’articolo 45, comma 6, del suddetto D.P.R. applicate all’importo contrattuale pari al prezzo offerto aumentato dell’importo degli oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza di cui al punto 3.5. del presente bando; le rate di acconto saranno pagate con le modalità previste dall’ articolo 21 del capitolato speciale d’appalto;

k)      gli eventuali subappalti saranno disciplinati ai sensi delle vigenti leggi;

l)        i pagamenti relativi ai lavori svolti dal subappaltatore o cottimista verranno effettuati dall’aggiudicatario che è obbligato a trasmettere, entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato, copia delle fatture quietanzate con l’indicazione delle ritenute a garanzie effettuate;

m)    la stazione appaltante si riserva la facoltà di applicare le disposizioni di cui all’articolo 10, comma 1-ter, della legge 109/94 e successive modificazioni,

n)      tutte le controversie derivanti dal contratto sono deferite alla competenza arbitrale ai sensi  dell’articolo 32 della legge 109/94 e successive modificazioni;

o)      responsabile del procedimento: Ing. Carmine AVAGLIANO - Settore LL.PP. e MANUTENZIONI. – Piazza Garibaldi località Faiano tel. 089/200440.

 

PONTECAGNANO FAIANO lì 13/02/2003

 

      IL CAPO SERVIZIO

                Lavori Pubblici e Manutenzioni

(Ing. Carmine AVAGLIANO)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
DISCIPLINARE DI GARA

 

 

I°)  Modalità di presentazione e criteri di ammissibilità delle offerte

 

Il plico contenente l’offerta e le documentazioni, pena l’esclusione dalla gara, deve pervenire, a mezzo raccomandata del servizio postale, ovvero mediante agenzia di recapito autorizzata, entro il termine perentorio ed all’indirizzo di cui al punto 6. del bando di gara;

Il plico deve essere idoneamente sigillato con ceralacca, controfirmato sui lembi di chiusura, e deve recare all’esterno - oltre all’intestazione del mittente e all’indirizzo dello stesso – la seguente dicitura:

GARA DI APPALTO PER IL GIORNO 28 MARZO 2003 ALLE ORE 9,00 RELATIVA AI LAVORI DI ARREDAMENTO DEL GABINETTO DEL SINDACO E UFFICI DI RAPPRESENTANZA - LAVORI EDILI.

Offerta economica e  Documentazione .”

 

Il recapito tempestivo del plico rimane ad esclusivo rischio del mittente.

Il plico deve contenere al suo interno due buste, a loro volta sigillate con ceralacca e controfirmate sui lembi di chiusura, recanti l’intestazione del mittente, l’oggetto della gara e la dicitura, rispettivamente “A - Offerta economica” e  “B - Documentazione”.

 

Nella busta “B” devono essere contenuti, a pena di esclusione, i seguenti documenti:

1)      istanza di ammissione alla gara, sottoscritta dal legale rappresentante del concorrente; nel caso di concorrente costituito da associazione temporanea o consorzio non ancora costituito la domanda deve essere sottoscritta da tutti i soggetti che costituiranno la predetta associazione o consorzio; all'istanza, in alternativa all’autenticazione della sottoscrizione, deve essere allegata, a pena di esclusione, copia fotostatica di un documento di identità del/dei sottoscrittore/i; l'istanza può essere sottoscritta anche da un procuratore del legale rappresentante ed in tal caso va trasmessa la relativa procura.

2)      (nel caso di concorrente in possesso dell’attestato SOA)

attestazione (o fotocopia sottoscritta dal legale rappresentante ed accompagnata da copia del documento di identità dello stesso) o, nel caso di concorrenti costituiti da imprese riunite o associate o da riunirsi o da associarsi, più attestazioni (o fotocopie sottoscritte dal legale rappresentante ed accompagnata da copia del documento di identità degli stessi), relativa ad almeno una categoria attinente alla natura dei lavori da appaltare, rilasciata/e da società di attestazione (SOA) di cui al D.P.R. 34/2000 regolarmente autorizzata, in corso di validità;

3)      dichiarazione sostitutiva ai sensi del D.P.R. 445/2000 ovvero, per i concorrenti non residenti in Italia, documentazione idonea equivalente secondo la legislazione dello stato di appartenenza, con le quali il concorrente:

a)       dichiara, indicandole specificatamente, di non trovarsi nelle condizioni previste nell’articolo 75, lettere a), b), c), d), e), f), g), h), del D.P.R. n. 554/99, come sostituito dal D.P.R. n° 412/2000;

b)      dichiara che nei propri confronti, negli ultimi cinque anni, non sono stati estesi gli effetti delle misure di prevenzione della sorveglianza di cui all’art. 3 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, irrogate nei confronti di un proprio convivente;

c)       dichiara che nei propri confronti non sono state emesse sentenze ancorché non definitive relative a reati che precludono la partecipazione alle gare di appalto di lavori pubblici;  

d)      indica i nominativi, le date di nascita e di residenza degli eventuali titolari, soci, direttori tecnici, amministratori muniti di poteri di rappresentanza e soci accomandatari;

e)       elenca le imprese (denominazione, ragione sociale e sede) rispetto alle quali, ai sensi dell’articolo 2359 del codice civile, si trova in situazione di controllo diretto o come controllante o come controllato; tale dichiarazione deve essere resa anche se negativa;

f)        (nel caso di concorrente non in possesso dell’attestato SOA)

attesta:

di possedere i requisiti di cui all’articolo 28 del D.P.R. 34/2000, in misura non inferiore a quanto previsto al medesimo articolo 28 e al punto 11. del bando di gara;

g)       attesta di aver preso esatta cognizione della natura dell’appalto e di tutte le circostanze generali e particolari che possono influire sulla sua esecuzione;

h)       dichiara di accettare, senza condizione o riserva alcuna, tutte le norme e disposizioni contenute nel bando di gara, nel disciplinare di gara, nello schema di contratto, nel capitolato speciale d’appalto, nei piani di sicurezza, nei grafici di progetto;

i)         attesta di essersi recato sul posto dove debbono eseguirsi i lavori;

j)        attesta di aver preso conoscenza e di aver tenuto conto nella formulazione dell’offerta delle condizioni contrattuali e degli oneri compresi quelli eventuali relativi alla raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti e/o residui di lavorazione nonché degli obblighi e degli oneri relativi alle disposizioni in materia di sicurezza, di assicurazione, di condizioni di lavoro e di previdenza e assistenza in vigore nel luogo dove devono essere eseguiti i lavori;

k)      attesta di avere nel complesso preso conoscenza di tutte le circostanze generali, particolari e locali, nessuna esclusa ed eccettuata, che possono avere influito o influire sia sulla esecuzione dei lavori, sia sulla determinazione della propria offerta e di giudicare, pertanto, remunerativa l’offerta economica presentata, fatta salva l’applicazione delle disposizioni dell’articolo 26 della legge 109/94;

l)         attesta di avere effettuato uno studio approfondito del progetto, di ritenerlo adeguato e realizzabile per il prezzo corrispondente all’offerta presentata;

m)     dichiara di prendere atto che le indicazioni delle voci e quantità riportate nella “lista delle categoria di lavorazioni e forniture previste per l’esecuzione dei lavori” non ha valore negoziale essendo il prezzo determinato attraverso la stessa, convenuto a corpo e pertanto fisso ed invariabile ai sensi dell’art. 19 della legge 109/94 e s.m.i e dell’art. 326, comma 2, della legge 20/03/1865 n. 2248 all. F;

n)       dichiara di avere tenuto conto, nel formulare la propria offerta, di eventuali maggiorazioni per lievitazione dei prezzi che dovessero intervenire durante l’esecuzione dei lavori, rinunciando fin d’ora a qualsiasi azione o eccezione in merito;

o)      attesta di avere accertato l’esistenza e la reperibilità sul mercato dei materiali e della mano d’opera da impiegare nei lavori, in relazione ai tempi previsti per l’esecuzione degli stessi;

p)      indica il numero di fax al quale va inviata, ai sensi del DPR 445/2000, l’eventuale richiesta di cui all’articolo 10, comma 1-quater della legge 109/94 e successive modificazioni;

q)      (per le imprese che occupano non più di 15 dipendenti e da 15 fino a 35 dipendenti che non abbiano effettuato nuove assunzioni dopo il 18 gennaio 2000)

dichiara la propria condizione di non assoggettabilità agli obblighi di assunzioni obbligatorie di cui alla legge 68/99;

r)        indica le lavorazioni che, ai sensi dell’articolo 18 della legge 55/90 e successive modificazioni, intende eventualmente subappaltare o concedere a cottimo;

s)       (nel caso di consorzi di cui all’articolo 10, comma 1, lettere b) e c) della legge 109/94 e successive modificazioni):

indica per quali consorziati il consorzio concorre e relativamente a questi ultimi consorziati opera il divieto di partecipare alla gara in qualsiasi altra forma; in caso di aggiudicazione i soggetti assegnatari dell’esecuzione dei lavori non possono essere diversi da quelli indicati.

t)        (nel caso di associazione o consorzio o GEIE non ancora costituiti):

ogni concorrente, attesta:

1°)   a quale concorrente, in caso di aggiudicazione, sarà conferito mandato speciale con rappresentanza o funzioni di capogruppo;

2°)   l’impegno, in caso di aggiudicazione, ad uniformarsi alla disciplina vigente in materia di  lavori pubblici con riguardo alle associazioni temporanee o consorzi o GEIE;

u)       indica i nominativi e le esatte generalità dei soggetti nei cui confronti opera il divieto di cui alla lettera c) dell’art. 75 del DPR 554/’99, come sostituito dal DPR 412/2000, che sono cessati dalla carica nel triennio precedente la data di pubblicazione del bando;

v)       attesta che, per i soggetti di cui alla precedente lettera u) non è stato pronunciata alcuna sentenza di condanna passata in giudicato oppure di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell’art. 444 del codice di procedura penale, per reati che coincidono sull’affidabilità morale e professionale;

w)     (oppure in caso di sentenza a carico dei soggetti di cui alla precedente lettera u):

indica gli atti o le misure di completa dissociazione dalla condotta penalmente sanzionatoria, adottate dalla Ditta e ne fornisce dimostrazione con gli opportuni documenti che allega.

      Qualora il legale rappresentante della Ditta non sia in grado di rendere la dichiarazione di cui alla precedente lettera v) per i soggetti cessati dalla carica, la dichiarazione stessa deve essere resa, ciascuno per suo conto, dai medesimi soggetti.

      Le dichiarazioni di cui alle lettere b) e c) dell’art. 75, comma 1 del DPR 554/99, come sostituito dal DPR 412/2000 e lettere b) e c)  del punto 3) devono essere rese dai seguenti soggetti:

1.       direttore/i tecnico/i;

2.       tutti gli amministratori muniti di potere di rappresentanza se trattasi di società di capitali, cooperative e loro consorzi, consorzi tra imprese artigiane e consorzi stabili; tutti i soci se trattasi di società in nome collettivo; soci accomandatari se trattasi di società in accomandita semplice; coloro che rappresentano stabilmente la Ditta nel territorio dello Stato se trattasi di società di cui all’articolo 2506 del codice civile;

 x) dichiara di non essersi avvalso di piani individuali di emersione di cui alla legge  n.383 

      del 2001 e s.m.i. ovvero di essersi avvalso di piani individuali di emersione di cui alla   

       legge n. 383 del 2001 e s.m.i., ma che il periodo di emersione si è concluso.

 

4)      (nel caso di associazione o consorzio o GEIE già costituiti):

mandato collettivo irrevocabile con rappresentanza conferito alla mandataria per atto pubblico o scrittura privata autenticata, ovvero l’atto costitutivo in copia autentica del consorzio o GEIE.

5)      reversale della tesoreria comunale ovvero fideiussione bancaria ovvero polizza assicurativa originale relativa alla cauzione provvisoria di cui al punto 8. del bando di gara con scadenza minima 29 SETTEMBRE 2003; essa è restituita ai concorrenti non aggiudicatari, dopo l’aggiudicazione provvisoria, ed al concorrente aggiudicatario all’atto della stipula del contratto; tali documentazioni devono contenere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la loro operatività entro quindici giorni a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. La fideiussione dovrà contenere autentica notarile attestante che colui che la sottoscrive è debitamente autorizzato al rilascio di tale tipo di fideiussione. In mancanza di quanto sopra richiesto la fideiussione presentata sarà considerata nulla e l'impresa sarà esclusa dalla gara.

Non sono ammesse, a pena di esclusione, altre forme di fideiussione.

Non sono altresì ammesse, a pena di esclusione, fideiussioni rilasciate da soggetti diversi da quelli sopra indicati.

6)      dichiarazione di un istituto bancario, ovvero di una compagnia di assicurazione contenente l’impegno a rilasciare, in caso di aggiudicazione dell’appalto, a richiesta del concorrente, una fideiussione bancaria, ovvero una polizza assicurativa fideiussoria, relativa alla cauzione definitiva, in favore della stazione appaltante, valida fino alla data di collaudo provvisorio ovvero diconsi 12 mesi dalla data di ultimazione dei lavori risultante dal relativo certificato e nei modi previsti dai commi 2 e 2 bis dell’art.30 della legge 109/94 e s. m. i. La dichiarazione dovrà contenere autentica notarile attestante che colui che la sottoscrive è debitamente autorizzato al rilascio di tale tipo di impegno. In mancanza di quanto sopra richiesto la dichiarazione presentata sarà considerata nulla e l'impresa sarà esclusa dalla gara. Non sono ammesse, a pena di esclusione, dichiarazioni da parte di soggetti diversi da quelli sopra indicati.

7)      (per le imprese che occupano più di 35 dipendenti e per le imprese che occupano da 15 a 35 dipendenti che abbiano effettuato una nuova assunzione dopo il 18 gennaio 2000)

certificazione, in data non anteriore a sei mesi da quella di pubblicazione del presente bando, di cui all’art.17 della legge n. 68/99 dal quale risulti l’ottemperanza alle norme della suddetta legge, accompagnata da una dichiarazione sostitutiva ai sensi del D.P.R. 445/2000, nella quale il legale rappresentante conferma la persistenza, ai fini dell’assolvimento degli obblighi di cui alla legge 68/99, della situazione certificata della originaria attestazione dell’Ufficio competente.

La dichiarazione, redatta su “allegato B”, dovrà essere sottoscritta dal legale rappresentante in caso di concorrente singolo. Nel caso di concorrenti costituiti da imprese riunite o associate o da riunirsi o da associarsi la medesima dichiarazione deve essere prodotta da ciascun concorrente che costituisce o che costituirà l’associazione o il consorzio o il GEIE. Le dichiarazioni possono essere sottoscritte anche da procuratori dei legali rappresentanti ed in tal caso va trasmessa la relativa procura. Analogamente si dovrà procedere per tutta la documentazione richiesta che dovrà riferirsi a tutte le imprese, tranne che per la documentazione di cui ai punti 5) e 6) che deve essere unica, indipendentemente dalla forma giuridica dell’unità concorrente.

La domanda e la dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR n. 445/2000  DEVONO ESSERE REDATTE ESCLUSIVAMENTE SUL MODELLO “ALLEGATO B”, IN ORIGINALE, ACCLUSO AL PRESENTE DISCIPLINARE, PENA ESCLUSIONE DALLA GARA. Il modello è ritirabile presso il Settore LL. PP., con sede in piazza Garibaldi di Faiano.

La domanda, la dichiarazione e le documentazioni di cui ai punti 1, 2, 3, 4, 5, 6 e 7, a pena di esclusione, devono contenere quanto previsto nei predetti punti.

Si rammenta che l’omissione di uno solo dei documenti e la mancanza di uno solo dei requisiti prescritti nel bando e nel presente disciplinare comporta l’esclusione dalla gara.

      Nella busta “A” devono essere contenuti, a pena di esclusione, i seguenti documenti:

 

      L’offerta su “ allegato A” in bollo vigente composta da:

a)      dichiarazione sottoscritta dal legale rappresentante o da suo procuratore, contenente:

l’indicazione dal prezzo globale, - inferiore al prezzo posto a base di gara al netto degli oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza di cui al punto 3.5. del bando - espresso in cifre ed in lettere ed il conseguente ribasso percentuale, anch’esso espresso in cifre ed in lettere, rispetto al suddetto prezzo posto a base di gara, che il concorrente offre per l’esecuzione dei lavori; il prezzo offerto deve essere determinato, ai sensi dell’art. 21, commi 1 e 1-bis, della citata legge n.109/94 e successive modificazioni, mediante ribasso sull’importo dei lavori posti a base di gara e compilata secondo le norme e con le modalità previste nel presente disciplinare di gara;

b)      lista delle categorie di lavorazioni e forniture previste per l’esecuzione dei lavori, messa a disposizione del concorrente completata in ogni sua parte in base alla quale è determinato il prezzo globale.

La lista è composta di sette colonne. Nella prima colonna è riportato il numero di riferimento dell’elenco delle descrizioni delle varie lavorazioni e forniture previste in progetto, nella seconda colonna la descrizione sintetica delle varie lavorazioni e forniture, nella terza colonna le unità di misura, nella quarta colonna il quantitativo previsto per ogni voce. I concorrenti riporteranno, nella quinta e sesta colonna, i prezzi unitari che offrono per ogni lavorazione e fornitura espressi in cifre nella quinta colonna ed in lettere nella sesta colonna e, nelle settima colonna i prodotti dei quantitativi indicati nella quarta colonna per i prezzi indicati nella sesta.

Si precisa che:

·        la lista delle categorie di lavorazioni e forniture per l’esecuzione dei lavori ha valore ai soli fini dell’aggiudicazione e non anche per la determinazione del corrispettivo che rimane stabilito per la parte a corpo nell’ammontare fisso ed invariabile riportato in contratto;

·        il concorrente ha l’obbligo di controllare le voci riportate nella lista suddetta relativamente alla parte a corpo, previo accurato esame degli elaborati progettuali comprendenti il computo metrico ed il capitolato speciale d’appalto posti in visione dalla stazione appaltante ed acquisibili; in esito a tale verifica il concorrente è tenuto ad integrare o ridurre le quantità che valuta carenti o eccessive ed a inserire le voci e le relative quantità che ritiene mancanti, rispetto a quanto previsto negli elaborati grafici e nel capitolato speciale, nonché negli altri documenti che è previsto facciano parte del contratto, alle quali applica i prezzi unitari che ritiene di offrire.

 

In calce all'ultima pagina della lista è indicato il prezzo globale offerto, rappresentato dalla somma dei prodotti riportati nella settima colonna, ed il conseguente ribasso percentuale rispetto al prezzo posto a base di gara. Il prezzo globale ed i ribasso sono espressi in cifre ed in lettere e vengono riportati nella dichiarazione.

La lista deve essere sottoscritta in tutte le pagine dal legale rappresentante del concorrente o da suo procuratore e non può presentare correzioni che non siano da lui stesso confermate e sottoscritte a pena di esclusione dell’offerta.

Qualora il concorrente sia costituito da associazione temporanea, o consorzio o GEIE non ancora costituiti la dichiarazione di cui alla lettera a) e la lista di cui alla lettera b) devono essere sottoscritte da tutti i soggetti che costituiranno il concorrente.

La percentuale di ribasso sul prezzo posto a base di gara è determinato mediante la seguente operazione: r = (Pg-Po)/Pg dove “r” indica la percentuale di ribasso, “Pg” l’importo a base di gara al netto degli oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza di cui al punto 3.5. del bando, “Po” il prezzo globale offerto.

L’aggiudicazione avviene in base al ribasso percentuale indicato in lettere.

La stazione appaltante, dopo l’aggiudicazione definitiva e prima della stipulazione del contratto, procede alla verifica dei conteggi della “lista delle categorie di lavorazione e forniture previste per l’esecuzione dei lavori” tenendo per validi ed immutabili le quantità ed i prezzi unitari offerti, espressi in lettere, correggendo, ove si riscontrino errori di calcolo, i prodotti e/o la somma. In caso di discordanza fra il prezzo complessivo risultante da tale verifica e quello dipendente dal ribasso percentuale offerto tutti i prezzi unitari offerti sono corretti in modo costante in base alla percentuale di discordanza.

I prezzi unitari offerti dall’aggiudicatario costituiranno l’elenco dei prezzi unitari contrattuali. In caso di discordanza fra prezzi unitari offerti relativi a medesime categorie di lavorazioni o forniture sarà considerato prezzo contrattuale quello di importo minore.

 

La predetta offerta redatta su allegato “A”, contenente l’esatta indicazione del luogo e della data di nascita del titolare o del legale rappresentante del concorrente o da suo procuratore che la ha firmata deve essere sottoscritta su ogni pagina con firma leggibile e per esteso e deve essere chiusa in apposita busta sigillata con ceralacca e controfirmata sui lembi di chiusura, nella quale oltre l’offerta, non devono essere inseriti altri documenti. L’offerta non può presentare correzioni, che non siano espressamente confermate e sottoscritte, a pena di esclusione.

 

      Qualora il concorrente sia costituito da associazione temporanea, o consorzio o GEIE non ancora costituiti l’offerta dovrà essere sottoscritta da tutti i soggetti che costituiranno il concorrente.

            In caso l’offerta sia sottoscritta da un procuratore del legale rappresentante, va trasmessa la relativa procura.

 

      L'OFFERTA DEVE ESSERE PRESENTATA ESCLUSIVAMENTE SUL MODELLO "ALLEGATO A", IN ORIGINALE, ACCLUSO AL PRESENTE DISCIPLINARE, PENA ESCLUSIONE DALLA GARA.

 

Il modello è ritirabile presso il Settore LL. PP., con sede in piazza Garibaldi di Faiano.

 

II°)          Procedura di aggiudicazione

      Il Presidente di gara, il giorno fissato al punto 6.4. del bando per l’apertura delle offerte, in seduta pubblica, sulla base della documentazione contenuta nelle offerte presentate, procede a:

a)      verificare la correttezza formale delle offerte e della documentazione ed in caso negativo ad escluderle dalla gara;

b)      verificare che non hanno presentato offerte concorrenti che, in base alla dichiarazione di cui al punto 3 dell’elenco dei documenti contenuti nella busta B, sono fra di loro in situazione di controllo ed in caso positivo ad escluderli entrambi dalla gara;

c)      verificare che i consorziati - per conto dei quali i consorzi di cui all’articolo 10, comma 1, lettere b) e c), della legge 109/94 e successive modificazioni hanno indicato che concorrono - non abbiano presentato offerta in qualsiasi altra forma ed in caso positivo ad escludere il consorziato dalla gara;

d)      sorteggiare un numero pari al 10 per cento del numero delle offerte ammesse arrotondato all’unità superiore.

Ai concorrenti sorteggiati che non siano in possesso dell’attestazione SOA, ai sensi dell’articolo 10 comma 1-quater, della legge 109/94 e successive modificazioni - tramite fax inviato al numero indicato dal concorrente nella dichiarazione redatta su “allegato B” e di cui al punto 3 dell’elenco dei documenti da inserire nella busta “B – Documentazione” viene richiesto di esibire, entro il termine perentorio di dieci giorni dalla data della richiesta, la documentazione attestante il possesso dei requisiti tecnico - organizzativi.

         Si precisa, altresì, che la documentazione prodotta dalle ditte sorteggiate dovrà pervenire con le stesse modalità del plico di gara, cioè esclusivamente a mezzo di raccomandata espresso postale o corriere autorizzato in busta chiusa sigillata con ceralacca e controfirmata sui lembi di chiusura, a questa Amministrazione, entro le ORE DODICI del giorno feriale precedente a quello fissato per la verifica, (2 seduta pubblica di gara) e sulla busta dovrà essere indicato oltre alla ditta mittente la seguente scritta:

 

 

 

GARA DI APPALTO RELATIVA AI LAVORI DI ARREDAMENTO DEL GABINETTO DEL SINDACO E UFFICI DI RAPPRESENTANZA - LAVORI EDILI.”

Documentazione comprovante il possesso dei requisiti dichiarati.

 

      La documentazione da trasmettere è costituita:

1)      da un elenco dei lavori eseguiti nel quinquennio antecedente la data del bando, corredato dai certificati di esecuzione dei lavori, (oppure fotocopie sottoscritte dal legale rappresentante ed accompagnate da copia del documento di identità dello stesso); i lavori devono appartenere alla natura indicata al punto 3.3. del bando; in alternativa, per i soggetti aventi sede negli stati aderenti all’Unione Europea, certificati attestanti l’iscrizione dei soggetti componenti il concorrente negli albi o liste ufficiali del paese di residenza sulla base del medesimo requisito richiesto alle imprese aventi sede in Italia;

2)      da un elenco dei lavori, appartenenti alla natura indicata al punto 3.3. del bando, della cui condotta è stato responsabile uno dei propri direttori tecnici nel quinquennio antecedente la data del bando, sottoscritto dal legale rappresentante del concorrente, corredato dai certificati di esecuzione dei lavori, (oppure fotocopie sottoscritte dal legale rappresentante ed accompagnate da copia del documento di identità dello stesso); tale elenco deve essere presentato qualora il concorrente non possa o non intenda documentare tramite l’elenco di cui al punto 1) l’esecuzione diretta di lavori della natura indicata al punto 3.3. del bando.

3)      da uno o più documenti (bilanci riclassificati in base alle normative europee recepite nell’ordinamento italiano articoli 2423 e seguenti del codice civile, corredati dalle note integrative e dalla relativa nota di deposito oppure dichiarazioni annuali IVA ovvero Modello Unico corredati da relativa ricevuta di presentazione riguardanti, oppure libri paga), relativi anche ad un solo anno del quinquennio antecedente la data del bando, attestanti di aver sostenuto, nel quinquennio antecedente la data del bando, un costo per il personale dipendente non inferiore al 15% dell’importo complessivo a base di gara;

4)      dichiarazione che indichi l’attrezzatura posseduta o disponibile;

 

      I documenti sono redatti nelle forme di cui al D.P.R. 445/2000 e sono sottoscritti dal legale rappresentante o da un suo procuratore, ed in tal caso va trasmessa la relativa procura.

      I concorrenti hanno la facoltà di non trasmettere tutti o parte dei suddetti documenti nel caso che questi siano già in possesso della stazione appaltante che ha indetto la gara, o di una sua articolazione territoriale, siano in corso di validità e siano stati verificati positivamente. In sostituzione i concorrenti devono trasmettere una dichiarazione, che attesti le suddette condizioni.

 

      La stazione appaltante procede, altresì, ad una immediata verifica circa il possesso dei requisiti generali dei concorrenti al fine della loro ammissione alla gara, sulla base delle dichiarazioni da essi presentate, dalle certificazioni dagli stessi prodotte e dai riscontri rilevabili dai dati risultanti dal casellario delle imprese qualificate istituito presso l’Autorità di vigilanza dei lavori pubblici. La stazione appaltante, senza che ne derivi un aggravio probatorio per i concorrenti, ai sensi dell’articolo 71 del DPR 445/2000, procede, altresì, con riferimento ai medesimi concorrenti individuati con il sorteggio sopra indicato e nello stesso tempo in cui essi trasmettono i documenti, al controllo della veridicità delle dichiarazioni  contenute nella busta B, attestanti il possesso dei requisiti generali previsti dall’art. 75 del D.P.R. 554/1999 e successive modificazioni.

 

      Il Presidente di gara, il giorno fissato al punto 6.4. del bando per la seconda seduta pubblica, procede:

a)      all’esclusione dalla gara dei concorrenti per i quali non risulti confermato il possesso dei requisiti generali;

b)      esclusione dalla gara dei concorrenti che non abbiano trasmesso la documentazione di prova della veridicità della dichiarazione del possesso dei requisiti speciali, contenuta nella busta B, ovvero  le cui dichiarazioni non siano confermate;

c)      alla comunicazione di quanto avvenuto agli uffici della stazione appaltante cui spetta provvedere all’escussione della cauzione provvisoria, alla segnalazione, ai sensi dell’articolo 10, comma 1-quater della legge 109/94 e successive modificazioni e dell’articolo 27, comma 1, del D.P.R. 34/2000, del fatto all’Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici ai fini dell’adozione da parte della stessa dei provvedimenti di competenza, nonché all’eventuale applicazione delle norme vigenti in materia di false dichiarazioni.

 

      Il Presidente di gara procede poi all’apertura delle buste “A - offerta economica” presentate dai concorrenti non esclusi dalla gara ed all’aggiudicazione provvisoria dell’appalto ai sensi dell’articolo 21, comma 1-bis, della legge 109/94 e successive modificazioni e della determinazione assunta dall’Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici in materia di offerte di ribasso anormalmente basse pubblicata nella G.U.R.I. n. 24 del 31 gennaio 2000. Le medie sono calcolate fino alla terza cifra decimale arrotondate all’unità superiore qualora la quarta cifra decimale sia pari o superiore a cinque. Qualora l’aggiudicatario provvisorio ed il secondo in graduatoria non siano compresi fra i concorrenti sorteggiati, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 10, comma 1-quater, ultimo periodo ed nel caso che anche la seconda eventuale aggiudicazione non dia esito positivo la stazione appaltante ha la facoltà di procedere alla determinazione di una nuova media oppure di dichiarare deserta la gara alla luce degli elementi economici desumibili dalla nuova media.

 

      Il Presidente della gara si riserva la facoltà insindacabile di non far luogo alla gara stessa o di prorogarne la data, dando comunicazione della nuova data sul sito internet di questo comune: www.comune.pontecagnanofaiano.sa.it, senza che i concorrenti possano accampare alcuna pretesa al riguardo.

 

      La seduta di gara può essere sospesa ed aggiornata ad altra ora o al giorno successivo.

 

      Il Presidente si riserva, altresì, la facoltà di acquisire il parere degli Uffici competenti, o eventualmente di consulenti, rinviando l’aggiudicazione a successiva data – dandone comunicazione ai presenti – o di non procedere all’aggiudicazione a favore di alcuna ditta per comprovati motivi.

 

      La stazione appaltante successivamente procede a richiedere all’aggiudicatario provvisorio e al secondo in graduatoria l’esibizione di tutta la documentazione, eventualmente non ancora acquisita, attestante il possesso dei requisiti generali previsti dall’articolo 75 del D.P.R. 554/1999 e successive modificazioni. Nel caso che tale verifica non dia esito positivo la stazione appaltante procede come previsto alla precedente lettera c) ed ha facoltà di determinare una nuova media oppure di dichiarare deserta la gara alla luce degli elementi economici desumibili dalla nuova media.

 

      I concorrenti, ad eccezione dell’aggiudicatario, possono chiedere alla stazione appaltante la restituzione della documentazione presentata al fine della partecipazione alla gara.

 

      La stipulazione del contratto è, comunque, subordinata al positivo esito delle procedure previste dalla normativa vigente in materia di lotta alla mafia.

                                                                             

 

                                                                                  IL CAPO SERVIZIO

            Lavori Pubblici e Manutenzioni

(Ing. Carmine AVAGLIANO)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1