AMBITO TERRITORIALE S4

UFFICIO DI PIANO

CAPOFILA COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO

 

 

Oggetto: Bando di Accreditamento per l’offerta dei servizi territoriali e domiciliari - Sezione B del “Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. 11/2007”. (Determinazione n. 771 del 19/09/2014 R.G.)

 

Premesso che:

-         la legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, individua il Piano di Zona dei servizi socio-sanitari come strumento fondamentale per la realizzazione delle politiche di intervento nel settore socio-sanitario;

-         con l’approvazione della L.R. n. 11/07 la Regione Campania ha inteso disciplinare un sistema organico di interventi e servizi sociali che si attua attraverso l’integrazione degli interventi e servizi;

-         l’accreditamento è il provvedimento che abilita all’esercizio dei servizi il cui costo si pone, in tutto o in parte, a carico della pubblica amministrazione (art. 2 comma 1 lettera e) del vigente Regolamento Regionale n° 4/2014 di attuazione della L.R. n. 11/2007”);

-         l’accreditamento per l’offerta dei servizi territoriali e domiciliari può essere richiesto dai prestatori, ad esclusione delle organizzazioni di volontariato, che possiedono i requisiti previsti dall’articolo 9 di cui al vigente Regolamento Regionale n° 4/2014 ed i requisiti specifici indicati nel catalogo allegato, nonché quelli previsti dalla normativa comunitaria, statale e regionale per la partecipazione a procedure di affidamento di contratti pubblici.

Considerato che:

-         la Coordinatrice dell’Ufficio di Piano dell’Ambito S4, ai sensi dell’art.21 del “Regolamento per la disciplina dei criteri di scelta delle procedure di affidamento dei servizi sociali”, adottato con Deliberazione del Coordinamento Istituzionale Ambito territoriale S4 n. 22 del 11.09.2013, al fine di incrementare la qualità dei servizi resi, promuovere la concorrenza tra i diversi soggetti erogatori e garantire la partecipazione dei cittadini/utenti, ha inteso attivare la procedura dell’accreditamento dei soggetti erogatori di servizi territoriali e domiciliari previsti nella Sezione B del “Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. 11/2007” approvato con DGR n. 107 del 23/04/2014, affinchè i servizi possano essere erogati anche mediante il sistema dei “voucher sociali”;

Visto:

-         La legge regionale 11/07 “Legge per la dignità e la cittadinanza sociale”;

-         La DGR 1079 del 15/03/02 “Indirizzi ai Comuni per la selezione di soggetti del Terzo Settore ai fini della gestione ed integrazione sociale di interventi e servizi sociali ai sensi della L 328/00”

-         il Regolamento Regionale di attuazione della L.R n.11/2007” - Regolamento Regionale n°4 del 07/04/2014 pubblicato su B.U.R.C. n° 28 del 28/04/2014;

-         il “Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. 11/2007” approvato con DGR n. 107 del 23/04/2014

 

 

Tutto ciò premesso, considerato e visto:

L’Ambito Territoriale S4 intende istituire l’Albo Unico di Ambito dei Soggetti Accreditati per l’erogazione dei servizi per minori e famiglie, disabili e anziani, previsti nella Sezione B del “Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. 11/2007” approvato con DGR n. 107 del 23/04/2014, che preveda l’erogazione dei servizi anche mediante il sistema dei “voucher sociali”;

 

ART. 1 OGGETTO

Oggetto del presente bando è la selezione dei Soggetti per l’iscrizione all’Albo Unico dell’Ambito S4 per l’Accreditamento Istituzionale, ai fini della erogazione dei servizi previsti nella Sezione B del “Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. 11/2007”, anche attraverso la procedura dei voucher sociali (ovvero titoli validi per l’acquisto del servizio).

 

ART. 2 FINALITA’

Con l’istituzione dell’Albo Unico di Ambito dei Soggetti accreditati, l’Ambito Territoriale S4 intende realizzare un sistema di erogazione dei servizi fondato sulla libera scelta da parte del cittadino-utente di acquistare prestazioni da soggetti accreditati.

Pertanto si perseguono le seguenti finalità:

·        garantire la centralità del cittadino-utente attraverso la sua autonoma determinazione in ordine alla scelta del fornitore;

·        realizzare nuove modalità di offerta dei servizi e delle prestazioni al cittadino-utente;

·        verificare preventivamente l’esperienza e la qualità dei soggetti accreditati;

·        garantire al cittadino-utente una migliore qualità dei servizi offerti, attraverso una qualificata e corretta concorrenza fra fornitori erogatori di servizi;

·        omogeneizzare le modalità di gestione dei servizi previsti nella Sezione B del “Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. 11/2007”

 

ART. 3 DEFINIZIONI E COMPETENZE

I Servizi oggetto del presente bando, sono descritti per tipologia come segue, ai sensi di quanto contenuto nel catalogo dei servizi allegato al vigente regolamento regionale n° 4 del 07/04/2014 di attuazione della L.R. n. 11/2007.

Per la definizione  delle Prestazioni, dell’Organizzazione e del Personale di ciascun servizio indicato, si rimanda alla Sezione B del “Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. 11/2007” approvato con DGR n. 107 del 23/04/2014.

 

SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA

Tipologia

Il servizio prevede un sostegno socio-educativo a persone con disabilità, diretto ad assicurare il diritto allo studio attraverso forme di assistenza tali da facilitare la comunicazione, la socializzazione, l’inserimento e l’integrazione scolastica, l'apprendimento e lo sviluppo delle potenzialità residue individuali. Il servizio deve mirare a garantire la continuità fra i diversi gradi di scuola con percorsi educativi personalizzati ed integrati con altri servizi territoriali. Tale servizio non riguarda né può sostituire la funzione didattica, che la legge affida alle istituzioni scolastiche attraverso l’impiego degli insegnanti di sostegno, né l’assistenza materiale o di base, che viene svolta sempre dalle istituzioni scolastiche.

 

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI

Tipologia

Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza nel loro ambiente di vita, evitando l’istituzionalizzazione e l’ospedalizzazione e consentendo loro una soddisfacente vita di relazione attraverso un complesso di prestazioni socio-assistenziali e sanitarie. Caratteristica del servizio è l’unitarietà dell’intervento, che assicura prestazioni socio-assistenziali e sanitarie (cure mediche o specialistiche, infermieristiche e riabilitative) in forma integrata e secondo progetti personalizzati di intervento. L’accesso alle prestazioni di assistenza domiciliare avviene attraverso la Unità di Valutazione Integrata.

 

ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO – ASSISTENZIALE

Tipologia

Il servizio di assistenza domiciliare consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza nel loro ambiente di vita, evitando l’istituzionalizzazione e consentendo loro una soddisfacente vita di relazione. Il servizio comprende prestazioni di tipo socio-assistenziale articolate per aree di bisogno: assistenza domiciliare socio educativa per minori e famiglie, assistenza domiciliare per diversamente abili, assistenza domiciliare per anziani.

 

TELESOCCORSO

Tipologia

Il servizio di Telesoccorso ha per finalità quella di garantire risposte immediate ai cittadini che vivono in contesti isolati, sono soli e che, per precarie condizioni di salute, potrebbero trovarsi in uno stato di emergenza e bisogno.

Attraverso un apposito apparecchio, in caso di necessità, l'utente invia un segnale di allarme alla centrale che, ricevuta la segnalazione, attiva tempestivamente l'intervento di soccorso.

 

CENTRI PER LE FAMIGLIE

Tipologia

Il centro per le famiglie, in una logica di rete, interviene in maniera specifica per promuovere il benessere dell’intero nucleo familiare, sostenendo la coppia, e ogni singolo componente in ogni fase del ciclo di vita. Nel centro sono organizzate attività di sostegno alla genitorialità, finalizzate a facilitare la formazione di un’identità genitoriale, a una scelta consapevole e responsabile della maternità e della paternità, a stimolare la capacità di organizzazione e l’autonomia di ognuno, nonché all’elaborazione e alla conduzione di progetti di vita in armonia con il proprio ruolo genitoriale.

 

SERVIZIO DI MEDIAZIONE FAMILIARE

Tipologia

Il servizio di mediazione familiare è un servizio a sostegno delle relazioni familiari in presenza di una separazione o di crisi nei rapporti di coppia. La mediazione interviene anche per affrontare situazioni di crisi o di conflitto nella relazione genitori-figli.

Essa, inoltre, promuove l’autonomia decisionale delle parti e facilita le competenze, la motivazione al dialogo, alla stima e alla fiducia reciproca con l’obiettivo di prevenire il disagio dei minori coinvolti nelle situazioni di crisi degli adulti.

 

CENTRI ANTIVIOLENZA

Tipologia

I centri antiviolenza sono strutture finalizzate a ricevere le donne e le altre persone maltrattate, ad offrire loro aiuto e protezione e a predisporre percorsi di uscita dalla violenza. Garantiscono l’anonimato e la segretezza all’utenza ed offrono gratuitamente consulenza e prima accoglienza.

 

SERVIZIO DI MEDIAZIONE CULTURALE

Tipologia

Il servizio di mediazione culturale affronta in modo sistemico la complessità e la multidimensionalità del fenomeno immigrazione e dei relativi processi di integrazione, promuovendo pari opportunità di accesso al sistema di tutela e garanzia dei diritti di cittadinanza, attraverso azioni positive volte a colmare la situazione di svantaggio della popolazione immigrata. Esso favorisce, altresì, la comunicazione tra cittadini immigrati e società di accoglienza.

 

SEGRETARIATO SOCIALE

Tipologia

Il Segretariato Sociale è un servizio rivolto a tutti i cittadini, che fornisce informazioni sul complesso dei servizi e delle prestazioni sociali, sanitarie, educative e culturali, sia pubbliche che private, presenti sul territorio. Esso è articolazione funzionale dei Servizi Sociali Professionali ed orienta il cittadino verso gli stessi, quando il problema rilevato lo rende necessario.

Il segretariato sociale può rappresentare la porta unitaria di accesso al sistema dei servizi territoriali integrati (sociale, sociosanitario, sanitario, promozione lavoro, previdenza sociale, rete dei CAAF, Centri informagiovani, scuola, centri di formazione professione, ecc.) nonché un terminale territoriale del Centro Unico prenotazioni (CUP).

 

TRASPORTO SOCIALE

Tipologia

Il servizio di Trasporto Sociale è un servizio finalizzato a garantire alle persone con ridotta mobilità, la possibilità di muoversi sul territorio e può essere sia collettivo che individuale a seconda delle esigenze e della destinazione.

 

ART. 4 SOGGETTI AMMISSIBILI

Possono essere ammessi al bando per l’accreditamento tutti i soggetti elencati al Titolo II, Capo II della legge regionale n. 11/2007.

Non sono ammesse le organizzazioni di volontariato di cui all’articolo 14, così come stabilito anche dal comma 2 dell’art. 9 del vigente regolamento regionale n° 4/2014;

Ai sensi della L. 266/91 e dell’articolo 14, comma 3, della legge regionale n. 11/07, non si può prevedere per le organizzazioni di volontariato la configurazione di veri e propri rapporti di affidamento di servizi, ma piuttosto un affiancamento ai servizi di rete, tale da postulare anche forme documentate di rimborso spese, escludendo contratti di appalto.

 

ART. 5 L’ACCREDITAMENTO

L’Accreditamento Istituzionale è condizione indispensabile per l’erogazione di prestazioni e servizi il cui costo si pone, in tutto o in parte, a carico del servizio pubblico, ivi comprese le prestazioni erogate a seguito di presentazione di titoli validi per l’acquisto (voucher).

 

ART. 6 REQUISITI PER L’ACCREDITAMENTO

L’accreditamento per l’esercizio dei servizi territoriali e domiciliari può essere richiesto dai prestatori, ad esclusione delle organizzazioni di volontariato, che possiedono i seguenti requisiti comuni  (di cui all’art. 5 del Regolamento 7 aprile 2014 n.4, di attuazione della L.R. n.11/2007):

1.      il legale rappresentante e i componenti degli organi direttivi del prestatore non sono stati condannati in via definitiva per delitti non colposi di cui al libro II, titoli II, IX, XI, XII e XIII del codice penale, per i quali non è intervenuta la riabilitazione e non sussistono nei loro confronti cause di divieto, decadenza, sospensione ai sensi del decreto legislativo 6 settembre 2011, n.159 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136);

2.      rispetto delle norme generali in materia di urbanistica, edilizia, barriere architettoniche, sicurezza del lavoro, igiene e prevenzione incendi.

3.      rispetto dei contratti di lavoro, degli inquadramenti professionali e delle norme in materia di contribuzione e pensionistiche per il personale dipendente;

nonché i requisiti specifici indicati nel Catalogo dei servizi di cui al Regolamento 7 aprile 2014 n.4, di attuazione della L.R. n. 11/2007 e quelli previsti dalla normativa comunitaria, statale e regionale per la partecipazione a procedure di affidamento di contratti pubblici.

Per ottenere l’iscrizione i prestatori, inoltre:

a)    adottano modalità per la formalizzazione del contratto educativo/assistenziale con l’utente, prevedendo il coinvolgimento dei familiari/tutori;

b)    adottano procedure per la gestione informatizzata della documentazione;

c)    adottano piani di programmazione e modalità di controllo dei risultati, da aggiornare annualmente, relativi a:

·      obiettivi generali e specifici del servizio;

·      azioni finalizzate a garantire la continuità assistenziale, attraverso il raccordo con altri servizi, strutture e agenzie del territorio;

·      contatto con l’ambiente esterno e fruizione delle risorse del territorio da parte degli utenti;

·      formazione del personale ed interventi per favorire l’inserimento del personale neo-assunto e del personale volontario (affiancamento, tutoraggio ed altro);

·      prevenzione del burnout, nel quale sono individuati i fattori di rischio e pianificate almeno le seguenti attività:

                                                                                        i.   riunioni organizzative degli operatori con periodicità almeno mensile;

                                                                                      ii.   supervisione, con periodicità almeno semestrale, realizzata da personale di comprovata esperienza.

 

Si evidenzia che l’esercizio delle attività dei servizi domiciliari e territoriali è comunque subordinato alle prescrizioni di cui all’art.7 del “Regolamento di esecuzione della L.R. n. 11/2007” approvato con D.G.R.C. n. 27 del 7/2/2014 ed emanato con D.P.G.R. n. 4 del 7/04/2014

 

ART. 7 PROCEDURE PER L’ACCREDITAMENTO

Per ottenere l’iscrizione all’Albo Unico dei soggetti accreditati, il legale rappresentante del prestatore deve presentare apposita istanza all’Ufficio di Piano Ambito Territoriale S4, redatta in carta semplice, corredata di tutti i documenti richiesti di seguito.

La domanda (All. 1), sottoscritta dal legale rappresentante, deve pervenire all’ufficio di Protocollo del Comune di Pontecagnano Faiano, in busta chiusa, indirizzata all’Ufficio di Piano Ambito S4, Via M. Alfani, 52 – 84098 Pontecagnano Faiano (SA), in uno dei seguenti modi:

1.      mediante consegna a mano;

2.      con raccomandata A/R;

3.      a mezzo agenzia di recapito autorizzata, con ricevuta di ritorno;

4.      a mezzo PEC.

La busta, o l’oggetto della PEC,  deve riportare la seguente dicitura:

“Domanda di Accreditamento per l’offerta dei servizi territoriali e domiciliari - Sezione B del “Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. 11/2007”.

Per la prima scadenza la domanda dovrà pervenire entro e non oltre il trentesimo giorno (30gg.) dalla data di pubblicazione del bando.

L’Albo Unico dei soggetti accreditati resta sempre aperto, pertanto le domande che perverranno successivamente alla prima scadenza saranno egualmente esaminate e, in caso di esito positivo, saranno inserite nell’Albo Unico di Ambito al primo aggiornamento utile.

 

All’istanza di accreditamento per l’offerta di servizi domiciliari e territoriali (All.1), contenente le autocertificazioni rese dal legale rappresentante del prestatore ai sensi del DPR n.445 del 2000, attestanti il possesso dei requisiti previsti dall’articolo 7 e dall’articolo 9, comma 2 e 3 del “Regolamento di esecuzione della L.R. n. 11/2007” approvato con D.G.R.C. n. 27 del 07/02/2014 ed emanato con DPGR n. 4 del 2014,  deve essere allegata la seguente documentazione:

a)      relazione sulle modalità per la formalizzazione del contratto educativo/assistenziale con l’utente, prevedendo il coinvolgimento dei familiari/tutori;

b)     relazione sulle procedure per la gestione informatizzata della documentazione;

c)      piani di programmazione e modalità di controllo dei risultati, di cui viene previsto l’aggiornamento annuale, relativi a:

1.     obiettivi generali e specifici del servizio;

2.     azioni finalizzate a garantire la continuità assistenziale, attraverso il raccordo con altri servizi, strutture e agenzie del territorio;

3.     contatto con l’ambiente esterno e fruizione delle risorse del territorio da parte degli utenti;

4.     formazione del personale ed interventi per favorire l’inserimento del personale neoassunto e del personale volontario (affiancamento, tutoraggio ed altro);

5.     prevenzione del burnout, nel quale sono individuati i fattori di rischio e pianificate almeno le seguenti attività:

                                                               i.     riunioni organizzative degli operatori con periodicità almeno mensile;

                                                             ii.     supervisione, con periodicità almeno semestrale, realizzata da personale con comprovata esperienza;

d)     copia dell’atto costitutivo e dello statuto del prestatore se trattasi di soggetto del terzo settore o di azienda pubblica di servizi alla persona;

e)      elenco del personale e delle relative qualifiche e funzioni;

f)       copia della carta dei servizi;

g)      copia della polizza assicurativa di copertura rischi, infortuni e responsabilità civile per gli utenti, i dipendenti e i volontari;

h)      indicazione dettagliata della posizione INPS ed INAIL ai fini del rilascio del DURC.

 

L’Accreditamento per l’iscrizione all’Albo è rilasciato dalla Coordinatrice dell’Ufficio di Piano previa verifica del possesso dei requisiti da parte di una apposita Commissione costituita dalla Coordinatrice e da due componenti dell’Ufficio di Piano individuati dalla stessa, oltre che dal coordinamento dei Responsabili dei  Sevizi Sociali dei Comuni dell’Ambito.

Il provvedimento di accreditamento sarà rilasciato entro trenta giorni dal ricevimento della istanza all’esito dell’attività istruttoria volta all’accertamento della congruità della documentazione di corredo e della sussistenza dei requisiti previsti dall’articolo 9 del Regolamento regionale, svolta secondo la disciplina recata dalla legge n. 241 del 1990.

L’accreditamento non comporta in capo ai soggetti pubblici alcun obbligo a instaurare con i soggetti accreditati rapporti contrattuali per l’erogazione di interventi e servizi sociali e per la fornitura di prestazioni.

Copia dell’Albo, e successive modifiche ed integrazioni, sarà trasmesso a tutti i Comuni dell’Ambito S4 e alla Provincia di Salerno, al fine della relativa pubblicazione sui rispettivi siti istituzionali, nonché pubblicata sul sito web del Comune Capofila.

 

ART. 8 CANCELLAZIONE DALL’ALBO UNICO DELL’AMBITO S4

La cancellazione dall’Albo Unico per soggetti accreditati è disposta:

-         per accertata perdita dei requisiti necessari;

-         su richiesta del legale rappresentante;

-         per mancata presentazione, previa diffida, della documentazione richiesta e dovuta (combinato disposto artt. 12 e 13 del Regolamento regionale di attuazione della L.R.11/07 emanato con DPGR n. 4/2014)

-         qualora vengano accertate gravi violazioni di legge o regolamenti;

-         a seguito di gravi inadempienze accertate nell’erogazione del servizio.

 

ART. 9 INFORMATIVA AI SENSI DEL D. LGS. N. 196/2003

Ai sensi del codice sulla privacy in ordine alla partecipazione alla presente procedura s’informa che:

a)      i dati sono raccolti per la verifica dei requisiti dei Soggetti che presentano istanza;

b)     il conferimento dei dati ha natura obbligatoria in quanto richiesti dall’Amministrazione aggiudicatrice in osservanza alla normativa vigente;

c)      la mancata comunicazione dei dati comporta l’esclusione dalla procedura di accreditamento;

d)     i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati sono:

·        il personale dell’amministrazione interessato al procedimento;

·        il personale incaricato dall’Ufficio di Piano;

·        i concorrenti partecipanti al bando;

·        ogni altro soggetto che vi abbia interesse ai sensi della legge n. 241/1990 e ss. mm.ii.;

e)      i diritti dell’interessato sono quelli di cui al codice sulla privacy;

f)       il responsabile del trattamento è la Coordinatrice dell’Ufficio di Piano dell’Ambito S4 mentre gli incaricati sono i soggetti dallo stesso designati all’interno dell’Ufficio di Piano.

 

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Responsabile del Procedimento è la dott. ssa Daniela Sibilio, Coordinatrice dell’Ufficio di Piano Ambito S4.

 

Per informazioni relative al presente bando si potranno contattare gli Uffici del Piano Ambito S4 – tel. 089 386398-386386-386383 – fax 089 849935

e-mail: servizisociali@comune.pontecagnanofaiano.sa.it

 

Pontecagnano Faiano, 27.10.2014

 

 

La Coordinatrice dell’Ufficio di Piano

Dr.ssa Daniela Sibilio

Allegato 1 - Domanda di Accreditamento

1