Su relazione dell’Assessore ai Lavori Pubblici e Manutenzioni, Antonio MALANGONE, che di seguito si riporta:

Pontecagnano Faiano, può candidarsi, nell’intero comprensorio che si estende dall’area dei “Picentini” alla “Valle del Sele”, ad assumere un ruolo di città guida nella elaborazione delle politiche per uno sviluppo sostenibile e razionale del comprensorio, partecipando ad esso, in maniera responsabile e “decisa”, utilizzando le prerogative della programmazione negoziata.

E’ di fondamentale importanza, inoltre, per i Pontecagnanesi, i Faianesi, e per i concittadini di tutte le altre località della nostra città, che il Comune, acquisisca un ruolo centrale, nella programmazione Provinciale, Regionale e Nazionale, delle Grandi infrastrutture ( Aeroporto, terza corsia A3, Scalo Ferroviario Merci, Porto turistico, Alta velocità,  Strada Aversana),  aprendo un confronto serio con soggetti pubblici e privati, al fine di partecipare alla definizione delle scelte, e  non subire decisioni o progetti, già individuati in contrasto con le esigenze, la vocazione del nostro territorio e la nostra storia.

L’impianto Normativo vigente, conferisce ai Comuni, uno strumento operativo efficace:

 Il  Programma Triennale delle Opere Pubbliche ed elenco annuale”,

organizzato, per programmare e pianificare gli investimenti che devono assicurare la realizzazione delle infrastrutture necessarie all’esercizio delle funzioni istituzionali dell’ente e per garantire lo svolgimento dei servizi pubblici e la realizzazione di quelle opere che promuovono e consolidano lo sviluppo sociale ed economico della nostra comunità.

La programmazione, per gli investimenti da realizzare nel periodo 2003 – 2005, non è stata sviluppata per esprimere, in maniera estemporanea, la volontà di realizzare questa o quella ”opera” od “intervento”, ma rappresenta altresì, uno strumento concreto per lo sviluppo della città e del suo territorio che si estende su di una superficie di circa 37 Kmq e che ospita un insediamento di circa 25.000 abitanti.

Attraverso una preventiva rilevazione e valutazione dei bisogni, della nostra comunità, il presente “Programma”, è stato organizzato,  tenendo conto degli “obiettivi prioritari“ assunti dal Sindaco e dalla amministrazione, con  la città.

Tuttavia, la elaborazione e la strutturazione del presente documento programmatico, è risultata difficile per il sottoscritto, data la brevità di tempo a disposizione per lo svolgimento del mio ruolo e delle mie funzioni (circa trenta giorni).

Come sopra osservato, per procedere ad una analisi attenta ed organica dei bisogni della città,  c’è stato poco tempo, ciò nonostante, attraverso la valutazione del portafoglio-progetti del Comune, l’impegno e la collaborazione di tutti, si è potuto procedere alla redazione dell’attuale programma, che   tiene conto integralmente, delle indicazioni, espresse dall’accordo politico (Emergenza idrica -Viabilità e Mobilità – Razionalizzazione e Riduzione della spesa etc. ) che ha sancito la ricomposizione dell’originario quadro Amministrativo, che si era scomposto  e deteriorato  agli inizi della consiliatura.

Le opere e gli interventi individuati nel presente elaborato, tengono conto del finanziamento con mezzi propri (Comune), dei finanziamenti Provinciali, Regionali, Statali ed Europei, e del coinvolgimento dell’interesse e del capitale privato attraverso i criteri del Project-Financing, affrontando in termini innovativi i seguenti obiettivi:

-                   la crescita della vita civile e democratica del paese;

-                   la  realizzazione di tutte le infrastrutture necessarie all’esercizio delle funzioni istituzionali

dell’ente;

-                   la dotazione all’intero territorio Comunale, delle Infrastrutture civili (rete idrica, rete

fognaria, rete viaria, parcheggi, metanizzazione, rete della pubblica illuminazione etc), attivando progetti generali da realizzarsi in stralci funzionali annui, congruentemente con la disponibilità di  risorse pubbliche e coinvolgendo anche l’interesse e le risorse dei privati;

-                   la riqualificazione  territoriale, ambientale, urbana e produttiva e produttiva  di

Pontecagnano, Faiano e di tutte le località  ed i quartieri;

-                   la riqualificazione ambientale dei corsi d’acqua e riassetto idrogeologico del territorio;

-                   la riqualificazione e rilancio turistico della fascia costiera;

-                   la valorizzazione del patrimonio archeologico e culturale presente sul territorio;

-                   Piano generale delle infrastrutture  per il miglioramento ed il potenziamento della mobilità     urbana e comprensoriale, ed a sostegno delle attività produttive (agricoltura, turismo,

commercio ed artigianato). In tale contesto,  sono state valutate le seguenti opere ed interventi:

§         Attrezzature per gli studi e l’istruzione;

§         Impiantistica sportiva e strutture per il tempo libero;

§         Attrezzature di interesse comune ed in particolare : Il Parco urbano verde con centro polifunzionale  ed Auditorium per la Musica, il Teatro ed  aree espositive per le arti e la cultura, con annessa area servizi e ludoteca comunale - Il palazzetto dello sport con piscina coperta - Centro studi musicali ed Archivio storico Comunale da realizzarsi nell’ex-Convento di S. Benedetto (Faiano) - Centro fieristico e dei servizi alle piccole e medie imprese - Biblioteca “Moscati” - Orfanotrofio;

§         Verde attrezzato ed arredo urbano;

Il presente programma, tiene conto delle priorità individuate dalla L. 109/94 in ordine a :

§         Manutenzione del patrimonio comunale;

§         Recupero del patrimonio edilizio;

§         Completamento delle opere già avviate nel precedente programma triennale;

§         Opere da realizzare con il concorso dei privati – project financing;

Inoltre Il programma triennale  e l’elenco annuale 2003, sono stati incardinati  per potersi inserire nella programmazione Regionale e Provinciale, in ordine all’attuazione al Programma Operativo 2000-2006 con particolare attenzione a :

-                    Valorizzazione dei Beni Culturali (parco archeologico, Museo e Convento S. Benedetto);

-                   Sviluppo della Portualità turistica (Porto turistico di Pontecagnano per la nautica da diporto);

-                   Piano mobilità (aeroporto e Metropolitana leggera)

-                   Piano per le infrastrutture a sostegno dell’agricoltura e del turismo.

-                   lo svolgimento dei servizi pubblici rivolti a promuovere e consolidare lo sviluppo sociale ed

economico della città.

Per quanto riguarda il traffico, sono in corso tutte le analisi e le valutazioni necessarie  per la, realizzazione di una circumvallazione o soluzioni alternative che facilitino il decongestionamento del traffico nel centro urbano e per determinare nuove condizioni di vivibilità innalzando lo standard qualitativo dei servizi per la tutela e la valorizzazione dell’ambiente.

In riferimento alle grandi opere strutturali,  l’amministrazione  si impegna  ad attivare tutte le procedure amministrative in ordine alle analisi, valutazioni e  deliberazioni di concerto con i Comuni  del comprensorio e gli Enti interessati in osservanza della legge n.. 142 del 8/6/90 in materia di Accordi di Programma.

Nei prossimi giorni, e nei prossimi mesi, Il Sindaco e la Giunta Municipale, provvederanno a dare risposte concrete ai problemi sopra osservati e per la realizzazione del presente programma.

Pontecagnano Faiano lì 30/10/2002 F.to Antonio MALANGONE Assessore ai LL.PP. e Manutenzioni”.

 

·         Premesso:

 

ü      Che la legge 109/94 e s.m.i. – legge quadro sui lavori pubblici – all’art. 14 – Programmazione dei Lavori Pubblici – stabilisce che l’attività di realizzazione dei lavori pubblici si basa su un programma triennale e su un elenco annuale;

 

 

ü      Che il suddetto articolo 14 al comma 11 stabilisce che il Comune è tenuto ad adottare il programma triennale e gli elenchi annuali dei lavori sulla base degli schemi tipo, che sono definiti con Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici;

 

ü      Che sulla Gazzetta Ufficiale del 27 giugno 2000 è stato pubblicato il Decreto 21 giugno 2000 del Ministero dei Lavori Pubblici avente oggetto: “Modalità e schemi – tipo per la redazione del programma triennale dei suoi aggiornamenti annuali e dell’elenco annuale dei lavori, ai sensi dell’art. 14 comma 11 della legge 11 febbraio 1994 n.° 109, e successive modificazioni”;

 

ü      Che il suddetto Decreto in attuazione dell’art. 14 della legge 109/94, definisce modalità del programma triennale, dei suoi aggiornamenti annuali e dell’elenco dei lavori da realizzare nell’anno stesso;

 

ü      Che sulla Gazzetta Ufficiale n.° 228 del 29 settembre 2000 è stato pubblicato il Decreto 4 agosto 2000, interpretazione autentica del Decreto 27 giugno 2000;

 

ü      Che l’art. 7 della legge n.° 166 del 1 agosto 2002 nel modificare l’art. 14 della legge 109/94 – Programmazione dei lavori pubblici -, comporta di conseguenza modifiche al Decreto 21 giugno 2000;

 

·         Visto lo schema di programma elaborato dal Responsabile della predisposizione della proposta di programma triennale sulla base delle indicazioni programmatiche fornite dall’Assessore competente;

 

PROPONE ALLA GIUNTA MUNICIPALE DI DELIBERARE COSI’ COME DI SEGUITO RIPORTATO:

 

§         La premessa è parte integrante e sostanziale del presente atto e si intende qui integralmente riportata;

 

§         Adottare l’allegato schema di programma triennale dei lavori pubblici;

§         Procedere alla pubblicazione dello stesso nel rispetto di quanto previsto dall’art. 10 del Decreto 21 giugno 2000;

 

§         Pubblicare il programma sul sito dell’Ente e all’Albo Pretorio, per dare la massima pubblicità allo stesso;

 

§         Dichiarare la presente immediatamente eseguibile.=

 

LA GIUNTA MUNICIPALE

 

esaminata la proposta di deliberazione e ritenuta meritevole di approvazione,

 

·        Visti i seguenti pareri espressi ai sensi dell’art. 49 del Dec. Legis. n. 267 del 18.08.2000:

-         Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della proposta evidenziata che di seguito si sottoscrive a condizione che all’atto dell’approvazione del Bilancio sia confermata la disponibilità delle risorse programmate:

 

Il Responsabile del Settore Lavori Pubblici e Manutenzioni Ing. Carmine AVAGLIANO

 

____________________;

-          Si esprime parere favorevole in via provvisoria sulla regolarità contabile essendo atto di programmazione, a condizione che si verifichi la finanziabilità delle opere programmate in sede di approvazione di bilancio di previsione 2003:

Il Responsabile del Settore Ragioneria Dott.ssa Veronica RISPOLI ___________________;

 

·        Visto il decreto legislativo n. 267 del 18.08.2000;

 

·        Vista la legge 109/94 e Regolamenti attuativi e successive modifiche ed integrazioni;

 

·        Con votazione unanime, espressa nei modi e forme di legge;

 

DELIBERA

 

1)      La premessa è parte integrante e sostanziale del presente atto e si intende quì integralmente riportata;

 

2)      Adottare l’allegato schema di programma triennale dei lavori pubblici;

 

3)      Procedere alla pubblicazione dello stesso nel rispetto di quanto previsto dall’art. 10 del Decreto 21 giugno 2000;

 

4)      Pubblicare il programma sul sito dell’Ente e all’Albo Pretorio, per dare la massima pubblicità allo stesso;

 

5)      Dichiarare la presente immediatamente eseguibile.=

=======================================================================

 

ADOZIONE PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2003-2005 ED ELENCO ANNUALE 2003. LEGGE 109/94 ART. 14 E S.M.I.