Sindaco Dott. Ernesto Sica

Sica
sindaco@comune.pontecagnanofaiano.sa.it

In data 13/06/2013 il Presidente dell’Ufficio Elettorale centrale ha proclamato l’elezione alla carica di Sindaco del Comune di Pontecagnano Faiano di Ernesto Sica, eletto con il 51,74% dei consensi conseguiti al turno di ballottaggio del 9 e 10 giugno. Nel suo discorso di insediamento, il Primo Cittadino, in relazione alla continuità amministrativa, ha inteso sottolineare il dato storico della sua vittoria.

Per Ernesto Sica, infatti, si tratta del secondo mandato consecutivo, che segue il successo ottenuto alle amministrative del 2008. Aveva già indossato, inoltre, la fascia tricolore dal 3 maggio 2000 al 6 aprile 2005 come Primo Cittadino più giovane d’Italia, eletto a soli 28 anni.

Ernesto Sica è nato il 27 agosto del 1971 a Salerno, vive a Pontecagnano Faiano ed è laureato in Scienze politiche. Ha respirato fin da giovanissimo l’atmosfera politica, partecipando alle adunanze consiliari ed assistendo ai dibattiti, maturando l’ideale che la politica è principalmente elaborazione di progetti per migliorare la propria città e promuovere lo sviluppo civile ed economico.

Alla fine degli anni ’80 la sua attenzione fu rivolta alla ricerca delle vie e dei modi alternativi con i quali poter superare la grave decadenza che la Città stava attraversando a causa della crisi della stretta connessione tra agricoltura ed industria. Per Ernesto Sica era necessario innescare un processo di sviluppo, puntando sulle risorse del territorio e, principalmente, sull’agricoltura.

Gli anni Novanta lo hanno visto impegnato attivamente nell’associazionismo politico e culturale. Con un gruppo di amici, ha collaborato alla fondazione del circolo “La Miriade” ed alla redazione di un giornale omonimo, attraverso il quale giovani entusiasti come lui esprimevano le loro opinioni, scendendo in campo sulle diverse questioni della vita cittadina. Numerosi gli eventi sostenuti da quel gruppo in quel proficuo periodo. Nel 1992 organizzarono il meeting sul tema “Quale identità per Pontecagnano Faiano”, con incontri ai quali parteciparono autorevoli esponenti della politica, della cultura, del mondo produttivo salernitano. Già allora il futuro Sindaco si batteva sull’esigenza di valorizzare al massimo la storia, i paesaggi, il mare, il Museo archeologico; insisteva sul turismo, quale principale strumento su cui puntare per il futuro della Comunità. Nel successivo meeting del 1993 sul tema “Cultura e territorio” furono discussi problemi concreti di notevole portata per la definizione di un progetto di rilancio dell’attività produttiva e culturale nella Città. Di particolare importanza fu la tavola rotonda sul “Degrado del litorale e le sue possibilità di recupero”, nel cui ambito sono state avanzate proposte operative per un progetto di risanamento ambientale e rilancio della zona litoranea. Era un nuovo modo di fare politica. Ernesto Sica ha sempre sostenuto che, per lanciare e supportare un vasto programma di ripresa, occorreva pervenire ad un vero dialogo tra tutte le componenti politiche ed associative cittadine.

Con questo bagaglio di idee si è presentato alle elezioni amministrative dell’autunno 1994 con una lista civica intitolata “Progetto Picentino”, avente fra i punti programmatici fondamentali la proposta di dislocamento a Pontecagnano Faiano del centro direzionale delle attività produttive del Salernitano; alcuni interventi per risolvere il problema del traffico, come la prosecuzione della strada a scorrimento veloce e lo svincolo autostradale a sud della Città; la ristrutturazione del Litorale, con la creazione di una zona residenziale e di strutture turistico - alberghiere; interventi urbanistici rivolti ad incrementare il verde cittadino; l’incoraggiamento all’associazionismo culturale; la creazione del Centro Sportivo Polivalente; l’incentivazione della giovane imprenditoria; il potenziamento dei servizi sanitari; la disposizione di una mappa geo-ecologica; l’istituzione di consorzi con i Comuni limitrofi per organizzare le iniziative dello sviluppo comprensoriale.

Molti di questi obiettivi sono stati realizzati nel corso della successiva Amministrazione da lui diretta. A tal proposito vanno ricordati gli interventi di riqualificazione urbanistica (i Giardini Pubblici e Piazza Sabbato, il Parco di Via Cavalleggeri, la sistemazione di Piazza Garibaldi a Faiano, il ponte sul fiume Asa, l’acquisizione del “Centola”). Quando fu nominato consigliere comunale volle distinguersi in qualità di esponente del Centro moderato e si adoperò per saldare l’alleanza e l’unione in tale ambito, in modo da offrire un’alternativa politico-amministrativa al governo della Città. Era l’unico modo per porre le basi di un dialogo allargato a tutte le forze politiche, nell’intento di favorire la stabilità amministrativa ed il più ampio concorso di idee e di proposte, per un’iniziativa programmatica che consentisse il rilancio della città, nel rispetto della sua vocazione e della sua identità.

Nel giugno 1997 fu eletto Presidente del Consiglio Comunale, come segno di riconoscimento dell’intenso lavoro di mediazione tra le parti politiche, per consentire lo sviluppo di un’ampia convergenza intorno alle scelte più vantaggiose per la Città. Con tale convinzione maturò la sua adesione al Partito Popolare, che riteneva la forza moderata più idonea a guidare il processo di rinnovamento della politica.

Alle elezioni comunali del 1998, presentandosi nella lista del Partito Popolare, concorse al successo elettorale di questa forza, che esprimeva le istanze più significative del centro moderato e progressista: fu, infatti, uno dei primi eletti per numero di consensi.

La sua carriera politica ha segnato un altro successo quando fu eletto consigliere provinciale nel 1999. Questo riconoscimento ha premiato la sua ormai decennale passione politica, interamente rivolta a creare le condizioni per un nuovo processo di sviluppo della nostra Comunità.

In riconoscimento del suo impegno per Pontecagnano Faiano, la Coalizione di Centro-Sinistra nel febbraio 2000 lo candidava a Sindaco della Città. L’esito del voto del 16 aprile (7206 voti) già esprimeva in modo chiaro e netto la volontà del popolo di accordare alla sua persona la fiducia. Fu eletto sindaco nel turno di ballottaggio riscuotendo un consenso quasi plebiscitario, con 6881 voti, pari al 66%.

Ha guidato l’amministrazione di Pontecagnano Faiano per l’intero periodo della consiliatura (maggio 2000/aprile 2005), improntando il suo lavoro alla ricerca del più ampio accordo tra le forze politiche svolgendo quindi una continua attività di mediazione tra le diverse proposte programmatiche. Ha interpretato l’esigenza di assicurare alla Città un’amministrazione efficace e continua, dopo anni di crisi e di incertezza, rimettendo in moto una macchina praticamente giunta alla paralisi. Numerosi sono i provvedimenti rivolti a recuperare il terreno perduto. Tra le iniziative di maggiore rilievo ne vanno ricordate alcune. L’Amministrazione da lui diretta ha avviato a soluzione l’annoso problema dell’attuazione del Piano Regolatore Generale. Si è data una soluzione al problema della raccolta dei rifiuti attraverso il sistema della raccolta differenziata. In questo settore sono stati raggiunti risultati soddisfacenti ed il Comune di Pontecagnano Faiano è stato segnalato tra i primi posti della classifica relativa alla igiene urbana. L’immagine della Città è stata rilanciata con iniziative rivolte a promuovere le manifestazioni intese a recuperare la memoria storica e la tradizione culturale e gastronomica dei Picentini. Tra le opere di riqualificazione urbanistica emerge l’acquisizione dell’ex tabacchificio “Centola” e la progettazione della sua architettura con la funzione di riqualificare il nucleo del centro di Pontecagnano. In questo senso si è dato luogo a importanti interventi nel tessuto urbano sia nel centro di Pontecagnano sia a Faiano ed in altri nuclei periferici. E’ stata ristrutturata l’area intorno a Piazza Sabbato, interamente rinnovata. Tra i Patti integrati territoriali si inserisce l’istituzione del Sistema Turistico dei Picentini, destinato a diventare lo strumento principale dello sviluppo dell’area picentina. Sono stati compiuti passi decisivi per la realizzazione dell’Aeroporto, per l’apertura del Museo Nazionale Archeologico e la realizzazione di strade come l’Aversana. Ha basato la sua attività su una forte vocazione per la politica intesa come costruzione della comunità.

L’impegno nel Governo della Provincia è rinnovato con la carica di Assessore all’Urbanistica, che ha ricoperto nella Giunta costituita in seguito alle elezioni del 2004 e guidata da Angelo Villani. Ha conseguito uno straordinario successo nelle elezioni del 2005, collocandosi tra i primi posti nella elezione del Consiglio Regionale della Campania, con un consenso di circa 28 mila voti. È stato nominato vice Presidente della Commissione Sanità e componente della Commissione Attività Produttive.

Nel 2008, con una coalizione civica, Ernesto Sica è rieletto sindaco di Pontecagnano Faiano con il 52,4% dei consensi guidando l’Amministrazione, anche questa volta, per l’intero periodo di consiliatura, che si è concluso il 12 giugno 2013, e favorendo una proficua sintesi politico-programmatica tra le forze politiche. Numerosi i risultati raggiunti in questi cinque anni, durante i quali Pontecagnano Faiano si è contraddistinta quale Comune virtuoso, unico in Italia a garantire il trasporto pubblico gratuito, tra i pochi ad aver abbattuto l’Imu sulla prima casa e ad applicare una pressione tributaria pro-capite nettamente inferiore alla media di molti comuni nonostante i tagli da parte del governo nazionale. Di rilievo anche i provvedimenti in ambito di trasparenza, informazione e confronto con la cittadinanza così come i riconoscimenti attribuiti all’Ente. L’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Ernesto Sica ha ugualmente concretizzato nuovi ed importanti interventi su tutto il territorio comunale, dal centro alle periferie con azioni di ammodernamento e riqualificazione, la nascita di nuovi spazi, la sistemazione degli edifici scolastici e l’avvio dei lavori per nuovi plessi, la realizzazione di impianti sportivi, tra cui il primo Palazzetto dello Sport della storia di Pontecagnano Faiano, i centri sportivi di via Toscana, di via Montegrappa e di parco Padre Pio, il rilancio del complesso “Centola” e la progettazione per l’auditorium, l’avvio del recupero e del risanamento dell’ex convento di San Benedetto, l’ampliamento del cimitero comunale, l’avvio di nuovi interventi nei quartieri e tanto altro ancora. Di fondamentale importanza, la fase di ascolto per la redazione del Puc, l’istituzione della farmacia comunale, l’istituzione della Consulta per le Attività produttive, la realizzazione di nuove aree parcheggio a beneficio dei residente e dei commercianti, la sinergia con Rfi per la costruzione dei sottopassi ferroviari, l’impegno per la tutela ambientale, il sostegno alle fasce deboli e i progetti per la sicurezza in città. Notevoli anche i risultati conseguiti per la pubblica istruzione, frutto di un’ampia sinergia con le scuole, per le politiche giovanili, per la cultura e lo sport in generale. Pontecagnano Faiano, infatti, ha ospitato attività di carattere storico-culturale e archeologico tra il Museo ed il Parco Eco Archeologico ed eventi di prestigio internazionale, uno fra tutti la mostra sullo stato dell’Arte in Campania inserita nella Biennale di Venezia.

Nel frattempo, l’impegno politico di Ernesto Sica viene nuovamente premiato nel 2009 con l’elezione al Consiglio provinciale di Salerno e la successiva nomina ad Assessore con le deleghe a Trasporti e Mobilità, Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale e Polizia Provinciale.

Il 6 agosto 2009, inoltre, viene nominato Presidente della Spa dell’Aeroporto e, successivamente, in data 14 dicembre 2009, Presidente del Consorzio dell’Aeroporto Salerno – Costa di Amalfi.

Il 16 maggio 2010, invece, riceve l’incarico di Assessore regionale all’Avvocatura.

Dal 13 giugno 2013 ricopre nuovamente la carica di Sindaco presso il Comune di Pontecagnano Faiano.

Sede: Via M. Alfani, 52 - 84098 Pontecagnano Faiano (SA) tel. 089 386311 - fax 089 849935 P.IVA 00223940651

Valid XHTML 1.0 Strict Valid XHTML 1.0 Strict

Copyright © 1999 - 2008 Servizio Informatico
informatica@comune.pontecagnanofaiano.sa.it