Cerca
Area riservata Accedi all'area riservata

PIANO PROTEZIONE CIVILE: COSTITUITO IL CENTRO OPERATIVO COMUNALE
L’amministrazione, su impulso del sindaco Ernesto Sica e dell’assessore alla Protezione civile Mario Vivone, ha riformulato, con apposita delibera, il nuovo centro operativo comunale, con sede in via Roma, presso il Comando di Polizia municipale. Si è ravvisata, infatti, la necessità di un aggiornamento del Coc, relativo al piano di Protezione civile, riassegnando le nomine dei responsabili delle funzioni di supporto tecnico-amministrativo-operativo così suddivise, secondo il metodo Augustus: tecnica e pianificazione; sanità, assistenza sociale e veterinaria; volontariato; materiali e mezzi; servizi essenziali e attività scolastica; censimento danni a persone e cose; strutture operative e viabilità; telecomunicazioni; assistenza alla popolazione. Allo stesso tempo, è stata predisposta un’area segreteria per la gestione dati e amministrativa dell’emergenza e la raccolta, elaborazione e smistamento di informazioni che affluiscono dalle singole funzioni di supporto. L’atto approvato è stato trasmesso alla Prefettura di Salerno e alla struttura provinciale e regionale di protezione civile.

Secondo la recente legislazione riguardante l’organizzazione e la struttura di protezione civile comunale, infatti, il sindaco riveste la qualità di autorità di protezione civile ed è impegnato a predisporre un’efficace attività di programmazione, previsione, prevenzione, pianificazione dei soccorsi e superamento dell’emergenza. Il sistema così delineato, dunque, prevede l’attivazione di tutti gli strumenti in grado di soddisfare le esigenze connesse al contrasto delle situazioni di rischio che si concretizza attraverso il piano comunale e il relativo apparato operativo. Appare, quindi, di fondamentale importanza l’individuazione di misure per la pianificazione e prevenzione in modo da individuare i rischi sul territorio e predisporre una macchina operativa efficace nel caso di eventi calamitosi. L’amministrazione, pertanto, ha adottato il metodo Augustus, direttiva del dipartimento di Protezione civile per l’organizzazione dell’emergenza attraverso il lavoro congiunto dei responsabili dei settori che formano il Centro operativo comunale. Il primo compito del sindaco, al verificarsi di un’emergenza sul territorio comunale, in tal senso, riguarda la convocazione e la direzione del Coc per la macchina dei soccorsi, dai primi interventi di assistenza alla popolazione colpita, fino alle attività di ricostruzione e ritorno alle condizioni di normalità.

“L’amministrazione è impegnata a concretizzare l’aggiornamento del piano di Protezione civile con l’insediamento di un presidio cittadino in grado di affrontare ogni situazione di emergenza e di attivare un ampio programma di prevenzione. Seguendo le indicazioni nazionali, regionali e provinciali, si agirà di concerto con la Polizia Municipale, le associazioni e tutti gli organi preposti, coinvolgendo e formando figure professionali capaci di operare su un territorio che è esposto a varie tipologie di rischio e fornendo ai cittadini informazioni di primaria importanza” afferma l’assessore Vivone.

Pontecagnano Faiano,li 04/10/2013  

[  Prima   Precedente   1168   1169   1170   1171   1172   Successiva   Ultima  ]
Pagina  1170  di  1393