Cerca
Area riservata Accedi all'area riservata

FESTA DELL’UNITÀ D’ITALIA E DELLE FORZE ARMATE: PARTECIPAZIONE E RIFLESSIONE AL SACRARIO MILITARE
Prima giornata di celebrazioni per la Festa dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate. Questa mattina, l’Amministrazione, guidata dal Sindaco Ernesto Sica, e l’Associazione Nazionale Combattenti Reduci e Simpatizzanti “S. Tenente A. Castelluccio” di Faiano, presieduta dal cavaliere Domenico Granozio, hanno reso onore al Sacrario militare presso il Cimitero comunale.
Alla presenza di autorità militari e civili, l’importante momento ha visto, anche quest’anno, la partecipazione di delegazioni delle scuole cittadine. A condividere le riflessioni sul tema della giornata sono stati gli alunni dell’Istituto Comprensivo “A. Moscati, dell’Istituto Comprensivo “Picentia” e dell’Istituto Comprensivo “Pontecagnano Sant’Antonio”. A seguire la deposizione di un cuscino di alloro.

“Nella guerra non ci sono vinti né vincitori, la guerra fa solo sconfitti: cancella intere generazioni, distrugge famiglie. Le guerre nascono soprattutto quando nei nostri cuori non c’è pace” è stato il messaggio toccante di Don Roberto Faccenda, parroco della chiesa San Benedetto di Faiano, che ha ricordato tutti i caduti

Il Sindaco Ernesto Sica, nel suo intervento, ha salutato e ringraziato le rappresentanze scolastiche, Don Roberto Faccenda, le autorità civili e militari presenti, il Caporal Maggiore dell’Esercito italiano Angelo Picozzi, il Comandante della locale stazione dei Carabinieri Andrea Ciappina, l’insegnante Anna Francese e il cavaliere Domenico Granozio dell’Associazione “S. Tenente Aristide Castelluccio” e tutti i cittadini presenti. Ha, quindi, ribadito “l’importanza di tramandare alle nuove generazione il ricordo del sacrificio dei tanti che hanno dato la loro vita per il bene della Patria”. A tal proposito, il pensiero è andato ai Carabinieri Claudio Pezzuto e Fortunato Arena, al Finanziere Daniele Zoccola, al Colonnello Carmine Calò e a quanti hanno perso la vita nell’adempimento del proprio dovere “e rappresentano ogni giorno un grande riferimento per tutte le generazioni”. “Amare la Patria – ha concluso il Primo Cittadino Ernesto Sica – significa difendere e rispettare il nostro territorio e il nostro Paese quotidianamente proprio come hanno fatto i nostri eroi”.

Le celebrazioni per la Festa dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate proseguiranno domenica 8 novembre. Alle ore 8.30, in località Trivio Granata, ci sarà l’arrivo della Fanfara dei Bersaglieri di Eboli “Gen. Antonio Scrimieri”, che successivamente si esibirà anche a piazza Sabbato, e la sfilata degli alunni dell’IC “A. Moscati”. Alle ore 9.45 è poi previsto l’afflusso delle autorità presso la sede dell’Associazione Nazionale Combattenti Reduci e Simpatizzanti “S. Tenente A. Castelluccio” in via Pisacane. A seguire, attorno alle 10.00, presso la chiesa San Benedetto di Faiano, si terrà una solenne celebrazione eucaristica presieduta da Don Roberto Faccenda. Alle ore 10.45 in piazza San Benedetto verrà deposto un cuscino d’alloro alla lapide ai Caduti. Infine, alle ore 11.00 in piazza Garibaldi a Faiano e alle ore 12.00 in piazza Sabbato a Pontecagnano si terranno due cerimonie commemorative con la deposizione di una corona d’alloro ai monumenti ai Caduti e l’intervento delle autorità.

Pontecagnano Faiano, 4 novembre 2015
































 

[  Prima   Precedente   720   721   722   723   724   Successiva   Ultima  ]
Pagina  722  di  1393